Tempo al tempo

Scrivere un post con un titolo no sense è un’arte. E in questa forma d’arte sono uno dei primi esponenti al mondo. Ne sono certo.

Avevo in programma per il fine settimana un post-recensione-qualcosa_del_genere su un racconto, il primo di una serie. Sto spulciando, oltre a “I Giardini della Luna” di Erikson, una doppia raccolta con due nomi da urlo: Richard Matheson e Edgar A. Poe. E proprio a quest’ultimo volevo dedicare un post “scrivendo” un po’ de “Il pozzo e il Pendolo”, il celeberrimo racconto del terrore. Volevo, e ho iniziato a scriverlo su Libre-Office. Poi ho eliminato per sbaglio il file e puff…

Ma lo scriverò da capo, tempo al tempo. Intanto mi auto-celebro, contemplo la giovinezza che va via e segnalo che – mai segnalato prima? – ho chiuso il vecchio account di Twitter perché sì e ne ho inaugurato uno nuovo.

Se posso vi followero io altrimenti, boh… chiedete e vi sarà dato.

A presto.

Annunci

4 risposte a “Tempo al tempo

  1. Ma come hai chiuso il vecchio account? E il nuovo quale è? O_O
    E’ terribile quando perdi qualcosa che hai scritto. Una sensazione di frustrazione assurda. Per questo adoro tanto la buona vecchia scrittura su carta. Quella, per lo meno, non si cancella (a meno che non venga un incendio, è chiaro, o che uno si dimentichi dove ha messo il foglio su cui ha scritto, naturalmente).

  2. E. A. Poe. Ho comprato i suoi “Racconti degli Enigmi” edito Mondadori circa 6 mesi fa, ancora devo leggerne uno T_T Fra poco la pila di libri che ho intenzione di leggere quest’estate diventa più alta di me (non che ci voglia molto, eh!)
    Chiedo formalmente l’affiliazione al club degli “scrittori di titoli nonsense di post”, nonché il tuo nuovo account twitter, affinché possa followarti! 😛

  3. Followate. @Mrpa_

    @vale: amo la scrittura su carta ma non so quasi più praticarla, ci credi? Esclusi gli appunti presi all’università, non uso quasi più carta e penna da tantissimo.

    @silver: per l’affiliazione dovrei riunire gli stati generali del gruppo (io, me e medesimo) e verificarne la fattibilità. Ma per questa volta faccio uno strappo.

    Comunque metà post l’ho riscritto, ora me ne vado al mare “poi” lo finisco.

  4. Seguirotti sull’aviario social, sappilo.
    Aspetto Poe con ansia, i suoi racconti del terrore sono tra i primi libri “seri” che ho letto (dopo l’interminabile lista di corsari, moschettieri, giramondo e avventurieri vari) e li ho amati tantissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...